Narni, pittori insieme per i diritti e l’uguaglianza

NARNI – Continua fino all’Epifania, nei sotterranei di Palazzo dei Priori, la mostra collettiva con le opere del calendario 2020 “UGUALI, TUTTI DIVERSI @LE PAROLE DELLA PARITA’ “ per affermare uguaglianza e diritti.Il calendario e la mostra sono stati promossi dalla Commissione e dall’Assessorato per le Pari Opportunità del Comune di Narni.In mostra le opere di Valentina Angeli, Lauretta Barcaroli, Diletta Boni, Marta Carlini, Barbara Lunetti, Mirna Manni, Melissa Marchetti, Simona Marzio, Tiziana Mondini, Angela Palmarelli, Anuska Pitotti, Maria Grazia Tata, Irene Veschi, le tredici artiste che hanno illustrato con le immagini delle loro opere il calendario 2020.Nel calendario, reperibile presso gli uffici del Digipass, su ogni mese, l’immagine di un’opera artistica con un commento poetico di Anna Laura Bobbi – un articolo di legge sul tema di Gabriella Caponi e le riflessioni paritarie di: Jorge Luis Borges – Francesco Bussetti – Luciano Costantini – Francesco Franceschini – Antonio Fresa – Sergio Giannini – Carlo Leonardi – Pino Nazio – Giulio Cesare Proietti – Roberto Rapaccini – Giuseppe Ungaretti – Roberto Vallerignani.Il linguaggio letterario e l’espressione artistica del calendario sono state usate per consentire una permeabilità nei confronti delle diverse sensibilità. Il calendario e la mostra sono solo il primo tassello di questa iniziativa, altre sono in cantiere con la finalità di promuovere azioni positive e propositive per la formazione dei bambini e delle bambine, dei ragazzi e delle ragazze, fornendo gli strumenti necessari per combattere gli stereotipi di genere ed eliminare la radice della violenza contro le donne e quei messaggi mediatici che spesso e in varie forme ricorrono evocando contenuti sessisti.Nelle ultime pagine brevi informazioni, numeri e contatti utili da consultare e chiamare per chiedere sostegno nei momenti di difficoltà di vario genere.Continua per tutto il periodo festivo la lavorazione della “sciarpa della condivisione dell’accoglienza, della solidarietà e delle pari opportunità” con il colore bianco, si possono lasciare al Digipass anche pezzi lavorati singolarmente che poi verranno assemblati, lavorati con 36 maglie con ferri 10 e lana grossa. La sciarpa raccoglierà simbolicamente le storie di tante donne, che affideranno e condivideranno con altre le loro esperienze e cambiando di volta in volta colore, accompagnerà le iniziative della Commissione. Apertura 10:00 – 18:00 / martedì e giovedì 10:00 – 14:00 (ingresso libero)

Pin It on Pinterest