Narni, il presidente Rubini illustra i numeri del lavoro del Consiglio comunale

NARNI – Il presidente del Consiglio comunale di Narni, Giovanni Rubini, ha diffuso un comunicato di fine anno incentrato sul bilancio delle attività istituzionali. Ecco il testo: “Si conclude un anno particolare, delicato e sconvolgente sotto molti punti di vista. Ovviamente l’avvento dell’evento straordinario, che nessuno poteva prevedere, della pandemia ha stravolto la vita di tutti. Abbiamo visto le nostre vite, il nostro lavoro e le nostre abitudini completamente rivoluzionate e purtroppo abbiamo assistito alla morte di molte persone.

Anche la nostra comunità non è stata risparmiata da questi spiacevoli eventi ed il primo pensiero va ai nostri concittadini che non ci sono più e alle loro famiglie. Devo essere sincero mai avrei pensato di presiedere le sedute del Consiglio Comunale da “Remoto”. Nei primi giorni del Lockdown di marzo, quando eravamo all’inizio del diffondersi del coronavirus nel nostro paese, mentre insieme agli Uffici stavamo predisponendo il decreto che stabiliva le riunioni in streaming del Consiglio comunale, ricordo la frase del capogruppo Bruschini che mi disse al telefono “Giovanni stiamo entrando nel futuro, cambierà tutto!”

Vero. Devo, tuttavia, registrare che il Consiglio che ho l’onore di presiedere ha dato prova di straordinaria unità e serietà senza nessun segno di debolezza ma anzi cercando di essere di esempio per la nostra comunità. I cittadini possono essere soddisfatti, capisco la magra consolazione visto il periodo, del livello di collaborazione che si sono tenuti in questi mesi nella massima assise. Posso affermare che siamo di esempio per come devono intendersi, con la massima dignità, i ruoli istituzionali.

Sempre presente l’attività delle sedute e costantemente abbiamo dato vicinanza, come istituzione, al sindaco ed alla giunta. Con il sindaco, al quale va il mio ringraziamento per il lavoro e lo sforzo compiuto in questi mesi difficili, c’è sempre stato il costante aggiornamento su l’evolversi della epidemia nel nostro Comune e vi sono state periodiche riunioni sulle iniziative da portare avanti come Ente. Ringrazio tutti i Consiglieri per lo splendido servizio che hanno reso alla città, alla nostra comunità. Grazie alle linee guida adottate con la conferenza dei capigruppo e lo stile di lavoro predisposto, sempre nel rispetto delle norme e con la massima attenzione contro la diffusione del virus, si sono sempre potuti tenere con cadenza “ordinaria” le due sedute mensili, salvo rare eccezioni dovute alla recrudescenza del virus.

Vi è stata la massima collaborazione e condivisione con i Presidenti (Bonifazi, Francioli e Tramini) delle commissioni consiliari i quali hanno permesso di approfondire nelle sedute di commissione (anch’esse tenute da remoto) al meglio gli atti amministrativi e politici. Dal punto di vista del lavoro del Consiglio Comunale anche in questo nefasto anno comunque si sono trattati 87 atti amministrativi (aumentati rispetto all’anno precedente) e sono stati discussi 26 atti politici che porta indubbiamente ad affermare che l’attività della massima assise cittadina è stata buona e caratterizzata da una proficua collaborazione con la giunta.

Ad oggi sono state effettuate 20 sedute del consiglio comunale, complessivamente si sono registrate 26 assenze dei consiglieri Il Consiglio Comunale più volte è stato investito di dibattitti inerenti a tematiche, oltre che locali come è ovvio, anche regionali e nazionali sulle quali ci si è espressi e si è agito unanimemente. Sempre disponibili e reattivi per trattare e discutere in maniera rapida, precisa e puntuale le delibere che riguardavano l’emergenza Covid-19 e che potevano generare benefici per i nostri cittadini (penso alle delibere emanate dalla giunta riguardo ai “buoni spesa” )

Penso, inoltre, alla tematica della sanità, molto sentita nel nostro Comune, al conferimento della Cittadinanza onoraria alla Sen. Liliana Segre, al riassetto del profilo societario riguardante il gestore di acqua pubblica e da ultimo all’ordine del giorno relativo alla Tutela dei diritti Umani. Penso alle tematiche ugualmente importanti quali il Patto dei Sindaci, l’approvazione del Pums che hanno effetti nella vita quotidiana dei cittadini.

Da ultimo ma non per importanza tengo a ringraziare l’Ufficio Assistenza Organi Istituzionali, dott.ssa Emiri, dott. Nevi, al quale va il mio personale augurio di buone feste visto l’ultimo anno di collaborazione insieme poiché prossimo alla quiescenza lavorativa, e il Segretario comunale dott. Chieruzzi sempre vicini alle esigenze del Consiglio sempre disponibili e altamente professionali. L’anno 2020 sta volgendo al termine ed il mio augurio è che presto, speriamo già nella primavera del 2021, ognuno di noi possa tornare e riscoprire la propria “ normalità”. E’ sentito come non mai il mio augurio di Buone Feste ed un caloroso, felice e diverso buon 2021”.

Pin It on Pinterest